Archivio per Categoria Pisa

Di

OSTERIA AL CANTO DEL MAGGIO

Ristorante accogliente, con un ottimo servizio e un menù di terra davvero notevole, pieno di alternative anche a seconda del giorno. Ottimi piatti per gli amanti del tartufo, dagli antipasti al secondo.Menù di carne con moltissima varietà di scelta. Affettati gustosissimi e primi piatti veramente sfiziosi. Carne di qualità per non parlare del “peposo” tenero come burro!

Al Canto

Visite pagina (70)

Di

IL GELATO DI TOTO

Il top nella gelateria a Pisa ….provare per credere!!!
Se il gelato vuoi mangiare da Toto devi andare

Toto

Visite pagina (458)

Di

OSTERIA ZENZERO

Allora, da circa un’anno ha aperto questa bella enoteca/pizzeria in quel di vecchiano: dopo un paio di visite, eccovi la recensione! Il locale è piuttosto piccolo ma ben curato: luci soffuse, dispone di 3 o 4 tavoli piu’ una grande tavolata. Sul fondo, troneggia un bel bancone e dietro di esso il forno; sulla parete, oltre la tavolata, campeggiano delle mensole con una bella collezione di birre e di vini. Nelle serate estive.Tutta la cucina è all’insegna della cura delle materie prime: prodotti a chilometri zero, biologici e di estrema qualità. Il personale è molto gentile ed amichevole..

Zenzero

Visite pagina (286)

Di

PIAZZA DEL POPOLO

A San Miniato, in Piazza del Popolo al numero 10, si aprono le porte al buon Vino e alla buona Cucina. Da un’idea di Paolo Fiaschi, Daniele Palavisini, Luca Santini, Salvatore Vigliotti ed Elisa Benvenuti (Demio), “Piazza del Popolo” nasce con l’intento di portare a San Miniato un luogo dove mangiare e bere bene senza eccessivo impegno. Un aperitivo, una cena, un brindisi, una degustazione.

La Piazza

Visite pagina (338)

Di

LOCANDA LO SCOPICCIO

Degustare il menù della locanda Lo Scopiccio è un’esperienza davvero indimenticabile, per la tipicità dei piatti, per la qualità delle materie prime usate, per l’estro con cui ricette tradizionali vengono reinterpretate e proposte dalle cuoche.
La capacità di accoglienza è ampia 
: dalla coppia che vuole trascorrere una serata particolare, al piccolo gruppo di persone che desidera un bel momento conviviale, alla comitiva che vuole festeggiare un’occasione particolare con un evento gastronomico importante. 

Lo Scopiccio

Visite pagina (528)

Di

RISTORANTE LA SOSTA DEI CAVALIERI

Nel centro storico di Pisa, nella strada che collega Piazza dei Cavalieri a Piazza San Frediano e al Lungarno Pacinotti, troverete un elegante ristorante: la Sosta dei Cavalieri, che offre ai suoi ospiti ottimi piatti della tradizione e non solo, proposte sia di mare che di terra; serviti in abbinamento alle migliori etichette di vino Regionali, Italiane ed Estere.Ideato e gestito dai medesimi soci del rinomato ristorante Osteria dei Cavalieri, la Sosta conta circa 25 posti a sedere, arredato e ammobiliato completamente con legno di noce massello, è accogliente e caldo, con una cantina a vista che tiene in considerazione tutti i canoni per l’ ottima conservazione dei vini e che può lasciare senza fiato per la sua bellezza.

La Sosta

Visite pagina (378)

Di

OSTERIA DEI CAVALIERI

L’Osteria dei Cavalieri si trova nel cuore storico di Pisa, a pochi passi dall’omonima piazza e dalla celebre Piazza dei Miracoli, in una cornice di scorci in cui il tempo sembra essersi fermato.

L’Osteria

Visite pagina (418)

Di

RISTORANTE DA NELLO

Lajatico è … Da Nello è il ristorante di Lajatico (Pisa) che offre cucina tipica toscana…

Nello

Visite pagina (439)

Di

OSTERIA LA GATTAIOLA

“LA GATTAIOLA”,prima del 1985, era un locale adibito a degustazioni di vini (ENOTECA), dove le persone potevano rilassarsi in un ambiente tipico delle colline toscane. Insieme alla degustazione venivano serviti degli stuzzichini per accompagnare nel migliore dei modi i vini presenti. Col passar del tempo la clientela chiedeva sempre più l’accompagnamento dei vini con del cibo, ogni giorno sempre di più……a quel punto è nata l’osteria.

Gattaiola

Visite pagina (417)

Di

OSTERIA PIEVE VECCHIA

Nel magnifico scenario della Toscana nasce nel 2000 l’Osteria La Pieve Vecchia.La sala può accogliere cinquanta ospiti, offrendo un’atmosfera ariosa, piacevole ed elegante, perfettamente in linea con la cucina.Il giardino esterno, aperto solo durante il periodo estivo, può accogliere fino a 80 persone e regala una suggestiva atmosfera tipica toscana.La cucina rivisita i piatti della cucina tradizionale toscana, e non solo, proponendoli in una chiave contemporanea, combinando i sapori e gli umori degli ingredienti.La cantina molto curata e dettagliata accompagna la delicatezza dei piatti.

la Pieve

Visite pagina (452)

Di

OSTERIA 5 ALL’UNDICI

Lo scorso Luglio è stata inaugurata a Pomarance L’Osteria 5 all’11 che sta ottenendo nella zona una indiscusso successo. Il segreto dell’Oste, Carlo Schivo…un vino buono compreso nel prezzo e un cibo ricercato di qualità servito con cura ma come fatto in casa. Ed è proprio vero….Carlo cucina abilmente prelibatezze tradizionali e regionali davanti al volto stupito dei clienti.

5 All’undici

Visite pagina (469)

Di

OSTERIA DELL’ULTIMO CARBONAIO

la cucina è davvero ottima, le pietanze sono tipiche toscane e con prodotti di prima qualità. La gestione è familiare e molto accogliente…tutto gustostosissimo!!!!

Il Carbonaio

Visite pagina (515)

Di

OSTERIA DA CENCIO

O chi è Cencio?! – Siiii vieni “cencio”…quello si dà ‘n terra o si mangia a carnevale…Cèncio con la “e” aperta. Innocenzo, detto Cèncio, è quello che ha levato la paura da Cascina.- Davvero?! O raccontami un popò la storia.- Dunque…siamo nell’artro seolo, uno strano figuro appariva a buio e coperto da un mantellone, un cappello e le ‘atene…e tonava osì: “Uh uh, sono l’anima di Gabriellone…sono l’anima der povero Gabriellone!!”. Pensa un po’ com’erano buie fonde le serate e le strade, e da qui dietro e un ci passava più nessuno a buio.- Qui dietro dove?- Da via Garibaldi a via Palestro…lì sotto ‘r capanile…e tutte le notti la stessa storia. Alla fine Cèncio un ne poteva più e una sera, più buia dell’artre, si mise aspettallo. Appena apparì Gabriellone e cominciò la solita sorfa, n’arrivò dar di dietro e questo ni disse “sono l’anima di Gabriellone” e quellartro li rispose “E io sono Cèncio di Passerone!”…e giù botte! Lo ‘ardò così sodo che lo mandò all’ospedale per quarche mese. E, lo sai, ‘e un ci venne mi’a più, e così la gente ritornò a cammina’ anco ar buio. Eppoi la voi sape’ la ‘ombinazione? Di là dove cè la ‘ucina c’era la bottega di Cèncio der Giffoni!

L’Osteria

Visite pagina (406)

Di

PAPAVERI e PAOLO

Paolo Fiaschi è lo chef di Papaveri e Papere, conosciuto anche come “Papaveri e Paolo”.
Dopo essersi diplomato all’ITIS G. Ferraris di Empoli, ha iniziato a lavorare nella ristorazione negli anni Novanta, inaugurando la “Taverna dell’Ozio” a Corazzano (PI). In seguito a questa fortunata esperienza è stato uno dei fondatori del ristorante “Pepe Nero” a San Miniato.
Vive con la moglie Rossana e la loro piccola Chiara. Il suo carattere e il suo temperamento vengono magicamente tradotti nei piatti che prepara.
Non c’è modo migliore per conoscerlo che assaggiare uno dei suoi piatti.

Papaveri & Paolo

Visite pagina (391)

Di

PEPENERO

Pepenero è la cucina in San Miniato. Un’idea che nasce dalla voglia di rileggere i sapori della cucina tradizionale attraverso i canoni del nostro vivere. La grande vetrata d’ingresso, volte in mattoni, pavimenti in rovere scuro, cotto e travertino, e un terrazzo con vista suggestiva su uno degli scorci più belli della campagna Toscana. Sapori della cucina tradizionale, riletta attraverso cotture più brevi e gusti più delicati che l’avvicinano ai canoni della dell’alimentazione moderna. Delizie dell’orto, qualità dei prodotti di fattoria, e il tartufo bianco di san miniato. Ottima la carta dei vini.

Pepenero

Visite pagina (329)

Di

LA VECCHIA LIRA

Eccoci qua! Nella via principale di Volterra, nasce la Vecchia Lira.
Noi due Lamberto e Massimo, volterrani dalla nascita, abbiamo avuto la fortuna di incontrare Patrizia, una persona meravigliosa che con il suo cucinare casalingo, ci ha fatto innamorare al punto di avventurarci in questa nostra splendida esperienza…

La Lira

Visite pagina (369)

Di

LA MINIERA

In un piccolo borgo risalente al 1800, circondato da boschi di faggi, querce e lecci, e dalle splendide colline toscane coltivate ad orzo e grano, si trova l’Albergo La Miniera.

La Miniera

Visite pagina (362)

Di

RISTORANTE MOCAJO

Tutto ha inizio nel 1963, quando mamma Lia e babbo Adelmo si convincono a prendere in gestione quella che allora era la mensa, oramai chiusa, di uno dei pastifici più vecchi e importanti della zona: il pastificio Mocajo, dove Lia lavorava, la cui struttura è tuttora presente in loco, anche se decadente.Da allora, Lia ha iniziato a cucinare con discrezione e semplicità i piatti tipici toscani., senza troppi intingoli, arricchiti dalla selvaggina che la natura generosa delle nostre campagne ci ha sempre dato.Passano gli anni, l’amore per la cucina aumenta insieme alla ricerca delle tradizioni più radicate; l’ingresso nella gestione della figlia Laura, cresciuta fra i tavoli e maturata con studi storici sulla “Cucina Toscana” dà un nuovo impulso per la preparazione di ricette collegate alle sane tradizioni e presentate in forme rivisitate e personalizzate con piccoli ma fondamentali Segreti. Nel 1995 si affianca il fratello Fabrizio, geneticamente portato al contatto e alle relazioni con i clienti. Anche per lui la formazione nasce prima dall’esperienza e dalla passione, poi da un impegno più costante, che lo porta a diventare un serio professionista sommelier: oggi il suo apporto è altrettanto fondamentale, sia per quanto riguarda la fornitissima cantina, sia per certe sfumature e accostamenti culinari appresi con le conoscenze provenienti dai molti viaggi all’estero, associati con successo ai nostri piatti tipici, con sfumature di gusti e di fragranze a volte quasi impercettibili, a volte più marcate ma sempre nuove e geniali.

Il Mocajo

Visite pagina (327)

Di

OSTERIA DEL GHIOTTO

Nei giorni di vacanza mi sono concessa qualche giretto con la piccola cuoca in perlustrazione tra le colline toscane… mi avevano parlato di Canneto, frazione di Monteverdi Marittimo, e di questa tipica osteria toscana, L’OSTERIA del GHIOTTO, dove le materie prime sono stagionali, fresche scelte con cura e dove Cristiano, con la mamma Nadia e la fidanzata Sandra, ti accoglie con quella spontaneità che ti fa sentire subito a casa. La pasta fatta a mano si apprezza particolarmente nei tortelli ricotta e spinaci, e le bistecche cotte sapientemente alla brace valgono, da sole, il viaggio. Il menù è vario e si modifica leggermente in base alle stagioni e a quello che l’orto offre. L’altra sera, ad esempio, Cristiano mi ha suggerito di prendere come contorno i pomodori cuore di bue appena colti, erano talmente saporiti che li ho mangiati senza condirli, magnifici.

Il Ghiotto

Visite pagina (411)

Di

LA VENA DEL VINO

La Vena di Vino è un’enoteca wine bar con antiche cantine dove è possibile bere al bicchiere e comprare una selezione di oltre 400 etichette di vino toscano. Una sosta per pranzo, per cena o per spezzare la giornata vi permetterà di degustare i prodotti tipici locali e della toscana. Il locale si trova nel centro storico di Volterra, di fronte al museo etrusco Guarnacci.

La Vena

Visite pagina (506)

Di

ENOTECA DA PINA

A Volterra, nel cuore di uno dei palazzi più antichi della città, si trova uno strano negozio, dove, tra elfi, fate e gnomi, potrai acquistare una gammaeccezionale di prodotti enogastronomici tipicamente toscani..

L’Enoteca

Visite pagina (466)